Mongolia

Per il CRAST, il 2018 ha segnato l’apertura di un nuovo fronte di ricerca e formazione grazie alla firma del Memorandum of Understanding con il Museo di Karakorum e l’Università Statale di Ulaanbaatar, siglato a Kharkhorin (Mongolia) il 20 agosto 2018. Le attività del CRAST in Mongolia si inquadrano nella cornice dell’Accordo di Collaborazione fra la città di Torino e la città di Kharkhorin.

Karakorum 2020. A community Project

Progetto:
valorizzazione del patrimonio storico-archeologico di Kharkhorin
Territorio:
area di Kharkhorin
Direttore:
Roberta Menegazzi

La città di Kharkhorin, nella provincia di Övörkhangai, si trova in una zona di grande interesse sotto il profilo storico e archeologico: ai margini settentrionali dell’insediamento moderno si estende infatti il sito di Karakorum, la capitale dell’impero mongolo fondata da Genghis Khan nel 1220 e rimasta in vita fino alla fine del XIV secolo, mentre immediatamente a sud dell’antica capitale sorge il monastero buddhista di Erdene Zuu, uno dei più grandi della Mongolia, fondato nel 1585-86 verosimilmente sull’area occupata in precedenza dal palazzo imperiale dei Khan. In anni recenti, il sito di Karakorum è stato indagato da una missione tedesco-mongola che, oltre a esplorare diversi settori della città e alcune aree produttive al di fuori delle mura cittadine, ha condotto prospezioni di superficie nella media e alta valle dell’Orkhon ed è attualmente impegnata nello scavo di Karabalgasun, la capitale dell’impero uiguro situata una trentina di chilometri a nord-ovest di Kharkhorin.

Il Museo di Karakorum, non distante dal sito archeologico, offre una descrizione efficace dello sviluppo storico della regione ed espone decine di manufatti provenienti dagli scavi dell’antica capitale dell’impero mongolo e dai siti limitrofi. Anche il complesso monastico di Erdene Zuu vanta una sezione museale che ospita sia manufatti buddhisti sia frammenti lapidei originariamente appartenenti alla decorazione architettonica di Karakorum.

Nell’approcciare una realtà così complessa, estremamente ricca sia sul piano delle testimonianze storico-archeologiche sia sul piano delle istituzioni coinvolte, il progetto del CRAST si pone l’obiettivo di valorizzare lo straordinario patrimonio storico-archeologico dell'area attraverso una serie di interventi volti a supportare le realtà museali del territorio e a diffondere presso la comunità locale i risultati della ricerca archeologica.

La prima azione concordata con le autorità mongole mira ad avvicinare il pubblico più giovane alle collezioni del Museo di Karakorum attraverso la programmazione di una serie di laboratori didattici da proporre alle scuole del territorio. Alla costruzione del primo di questi laboratori didattici – mirante a illustrare le tecniche di produzione a matrice di manufatti in argilla – è stata dedicata la sessione teorico-pratica di formazione svoltasi nell’agosto 2018 presso i locali del Museo di Karakorum. La sessione ha visto impegnati nel ruolo di formatori un’archeologa del CRAST e uno scultore/ceramista del Museo della Ceramica di Mondovì, nel ruolo di partecipanti i dipendenti del Museo, alcune insegnanti e assistenti sociali operanti nelle scuole di Kharkhorin e i rappresentanti locali dell’UNESCO.


Per approfondimenti sull’operato della missione tedesco-mongola:

https://www.dainst.org/projekt/-/project-display/60878

https://www.vfgarch.uni-bonn.de/research-inner-asia/completed-projects/geoarchaeologie-in-der-steppe/geoarchaeologie-in-der-steppe-zur-rekonstruktion-von-kulturlandschaften-im-orchon-tal-zentrale-mongolei

https://www.vfgarch.uni-bonn.de/research-inner-asia/completed-projects/abbildungen-und-fotos

 

Copyright © 2019 Centro Ricerche Archeologiche e Scavi di Torino per il Medio Oriente e l'Asia
Powered by AMODEO design