News from the Lands of the Hittites

"News from the Lands of the Hittites" - Scientific Journal for Anatolia Research.

Il Centro Ricerche Archeologiche e Scavi di Torino è promotore insieme all'Università Suor Orsola Benincasa di una nuova rivista elettronica, con comitato scientifico internazionale, sulla storia, archeologia e filologia dell'antica Anatolia.

 

 

 

"Anche le Statue Muoiono"

"Anche le statue muoiono. Conflitto e patrimonio tra antico e contemporaneo" 09 marzo - 09 settembre 2018.

La mostra è diffusa su tre sedi, il Museo Egizio, la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e i Musei Reali. Essa raccoglie reperti egiziani, ciprioti, greci e romani, che sono stati intenzionalmente danneggiati o rimaneggiati, sia in età antica, sia in epoca più recente, ad esempio a scopo commerciale. Inoltre la mostra propone opere di artisti contemporanei, prevalentemente egiziani e medio orientali, ispirate alla distruzione del patrimonio culturale che l'Isis Daesh ha sistematicamente operato in Siria e Iraq, e al tempo stesso volte a suggerire una riflessione sul ruolo dei Musei. Il CRAST è presente con le fotografie dei rilievi del Palazzo di Sennacherib di Ninive (Museo Egizio), con un video sull'Iraq Museum di Baghdad (Fondazione Sandretto Re Rebaudengo) e con un video ai Musei Reali sul progetto archeologico attualmente in corso a Tulul al Baqarat nella Mesopotamia Meridionale, organizzato e finanziato dal CRAST.

Inaugurazione giovedì 8 marzo 2018 - Museo Egizio dalle ore 18.00 - Fondazione Sandretto Re Rebaudendo e Musei Reali dalle ore 19.00.

 

 

Hellenistic Sealings & Archives

Mercoledì 24 gennaio 2018, nel contesto di una conferenza che avrà luogo presso l'Allard Pierson Museum di Amsterdam, il Prof. Messina presenterà i risultati di uno studio condotto sugli archivi di Seleucia al Tigri, alla luce dei risultati degli scavi condotti sul sito dal Centro Scavi di Torino, con un intervento dal titolo "Hellenistic Sealings in Context. The City Archive of Seleucia on the Tigris".  

Allard Pierson Museum, Amsterdam, Oude Turfmarkt 127, ore 09.15.


Per ulteriori informazioni:  Conference Fasti Congressuum


 

1st International Conference on the Enhancement of the Archaeological Heritage in Iraq

Nei giorni 20 e 21 gennaio 2018 presso l'Università di Kufa a Najaf, Iraq, il Prof. Carlo Lippolis parteciperà in qualità di relatore alla Conferenza ICEAHI relativa al Progetto Internazionale EDUU (Education and Cultural Heritage Enhancement for Social Cohesion in Iraq). Nel corso del convegno saranno presentati gli studi archeologici, antropologici e territoriali attualmente in corso, finalizzati alla ricostruzione storica degli antichi paesaggi mesopotamici e della loro evoluzione; saranno inoltre approfondite le migliori strategie di conservazione, protezione e promozione del patrimonio culturale iracheno, di diffusione dell'interesse e della consapevolezza circa il suo valore e di coinvolgimento della comunità attraverso un dialogo tra diversi settori sociali e ambiti professionali.  

 

Programma della conferenza [PDF]

 


Per ulteriori informazioni: Conference ICEAHI


 

La destrucción del Patrimonio de Oriente Próximo en el Mundo Contemporáneo


Venerdì 1° dicembre 2017 all'interno della conferenza che avrà luogo presso il Museo Zuloaga-Iglesia de San Juan de los Caballeros di Segovia (Spagna), il Prof. Lippolis esporrà l'attività di ricostruzione dell'Iraq Museum da parte del Centro Scavi di Torino e dei progetti di collaborazione in atto, all'interno dell'intervento "Patrimonio en peligro: la reestructuración del Museo de Iraq por el centro de excavaciones de Turín. Nuevos proyectos de investigación".

Museo Zuloaga-Iglesia de San Juan Plaza de Colmenares s/n - Segovia Ore 10.00

Download presentazione e programma [PDF]


Per maggiori informazioni: Progetti - Iraq Museum


Sesta missione archeologica italiana a Tulul al Baqarat (MAITaB)


Sesta campagna (22 settembre-14 novembre 2017)

Le attività sul campo si sono concentrate sulle due principali colline dell'area. Su TB1 si sono aperti due sondaggi in corrispondenza del lato orientale del recinto dell'area sacra, nel settore settentrionale della collina. A lato del tempio di fase neo-babilonese, un ulteriore sondaggio ha riscontrato la presenza di un mattonato (verosimilmente il sommo della terrazza) di epoca proto-dinastica. In questo settore, purtroppo, le strutture sono rimaste a lungo esposte e dunque state fortemente erose dagli agenti atmosferici; inoltre sono state tagliate dalla fase ricostruttiva neo-babilonese. Sulla collina TB7, si è allargata l'area di scavo della casa-fattoria presso il vertice NW del sito. I limiti dell'edificio non sono ancora chiari sui lati N, E e S, mentre a W un'area aperta con installazioni pirotecniche (area produttiva esterna) sembra costituire un margine di questo edificio piuttosto esteso. La datazione di questo complesso resta ancora da definire nel dettaglio, ma indicativamente pare collocarsi tra il periodo Jemdet-Nasr e il Proto-dinastico I-II.

La campagna 2017 ha inoltre visto la realizzazione di un training di formazione in situ per 22 studenti e funzionari iracheni, all'interno del Progetto Europeo (Europe-Aid) EDUU - guidato dall'Università di Bologna e di cui il CRAST è Partner da quest'anno. Le attività formative hanno previsto esercitazioni, scavo, survey e catalogazione/documentazione direttamente a Tulul al Baqarat (mattino) e una serie di workshop e laboratori (ad esempio seminari teorici, attività di disegno ceramico) presso la casa della missione a Noumaniya.  


Per maggiori informazioni sulla missione: Progetti - Iraq - Tulul al Baqarat