"Le radici tagliate della cultura. La conservazione del patrimonio culturale ai tempi dell'Isis"


Tavola Rotonda con Andrea Bruno, Stefano de Martino (Direttore CRAST), Giacomo Massari, Francesco Scoppola.

Venerdì 27 ottobre 2017, ore 17.30, presso il Palazzo Ducale - Sala del Minor Consiglio - Piazza Matteotti n. 9 Genova.

A cura del Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale.

Una delle maggiori conseguenze dei più recenti conflitti, oltre all'immane carico di vittime e di prevaricazioni sulle popolazioni, riguarda le violente distruzioni di importanti vestigia e di resti del patrimonio storico-culturale dei Paesi coinvolti. Oggi, nuove applicazioni tecnico-scientifiche forniscono un contributo significativo alla conservazione e si considerano ipotesi di ricostruzioni, totali o parziali, anche con il ricorso a robot che operano in 3D come nel caso dell'arco di Palmira. E' indubbio che i progressi della scienza e della tecnologia stiano di fatto costringendo a una riflessione sui paradigmi culturali e metodologici alla base delle contemporanee scienze per la conservazione dei beni culturali, delineando prospettive di recupero del bene in grado di depotenziare il carico ideologico che aveva motivato i terroristi nella distruzione dei beni stessi. Al contempo, aumentano gli interventi per la prevenzione, quali i caschi blu dell'Unesco, fortemente voluti dal Governo italiano.