Sostieni il Centro Scavi con il cinque per mille "2017"


Sostieni il Centro Scavi con il cinque per mille


Da più di cinquant'anni il Centro Scavi opera nell'ambito della ricerca archeologica, della tutela e della valorizzazione del patrimonio culturale delle aree a rischio.

Per sostenere le sue attività, dona il tuo cinque per mille al Centro Scavi indicando, sotto la firma, il codice fiscale 80088290012 nel riquadro dedicato al "sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all'art. 10, C. 1, lett A) del d.lgs n. 460 del 1997"


Ongoing projects between the Iraq Museum and Italian Universities


Martedì 14 marzo 2017 ore 14.00 Malcanton Marcorà, 1° piano, sala Geymonat

Gli aspetti tecnici del riallestimento delle sale monumentali del piano terra dell'Iraq Museum di Baghdad vengono illustrati a Venezia, presso la sede dell'Università Ca' Foscari, nel corso di una presentazione tenuta dal Prof. Carlo Lippolis e dall'Ingegnere Ala' Al Anbaki. Interverrà anche l'Architetto Roberto Parapetti che è autore del progetto di riallestimento. 


Per maggiori informazioni: Progetti - Iraq - Iraq Museum


Quarta missione archeologica italiana a Tulul al Baqarat


Quarta campagna (14 novembre-15 dicembre 2016)

Il programma di ricerche ha previsto l'apertura di nuovi sondaggi sul tell principale dell'area di Tulul al Baqarat (TB1), nell'area dell'edificio sul sommo della collina già scavato dagli archeologi iraqeni e nell'area sud ai piedi della terrazza. Grazie alla collaborazione con la ditta ME.S.A. s.r.l. è stato inoltre possibile acquisire la scansione laser 3D dell'intera area di TB1. 

Gli ultimi giorni della missione hanno visto l'apertura dei corsi di formazione presso l'Iraqi-Italian Institute of Archaeological Sciences a Baghdad, con seminari di presentazione di alcune attività di ricerca e workshops sulla metodologia di scavo. I corsi riprenderanno nella primavera 2017. 


Per maggiori informazioni sulla missione: Progetti - Iraq - Tulul al Baqarat


De la tablette cunéiforme à la tablette tactile: protéger et étudier l'antique Mésopotamie en 2016

De la tablette cunéiforme à la tablette tactile: protéger et étudier l'antique Mésopotamie en 2016. Parigi, Museo del Louvre, 9-10 novembre

Il colloquio, organizzato in occasione della mostra "L'Historie commence en Mésopotamie", presenta al pubblico alcuni dei numerosi progetti di ricerca in corso in Iraq. Carlo Lippolis partecipa illustrando le attività del Centro Scavi in un intervento dal titolo "Sauvegarder le passée de l'Irak: défis actuels et réalisations récentes".


Per il programma completo della conferenza si rimanda alla seguente pagina web: louvre_conférences

 

 

Ninive. Bilder aus Sanheribs "Palast ohnegleichen"

Ninive. Bilder aus Sanheribs "Palast ohnegleichen", Würzburg, Martin von Wagner Museum, 21 ottobre 2016 - 19 febbraio 2017

Il 21 ottobre si inaugura al Museo Martin von Wagner, nell'Ala Sud dello splendido palazzo del Residenz di Würzburg, la mostra fotografica dei rilievi del "Palazzo senza Eguali" di Ninive. Le fotografie, scattate dal fotografo Angelo Rubino nel corso delle campagne di rilevazione e studio condotte a Ninive dal CRAST in sinergia con il MiBACT, sono già state esposte a Torino, Baghdad e Venezia. Il CRAST è stato lieto di collaborare con l'Università Julius Maximilian di Würzburg, concedendo il prestito delle fotografie dei rilievi del Palazzo del re Sennacherib, sia per diffondere la conoscenza di questi capolavori dell'arte neo-assira, sia per attirare l'attenzione del pubblico sulla necessità di tutelare e preservare le testimonianze archeologiche del Vicino Oriente, negli ultimi anni spesso vittime di violente distruzioni.

 

 

Missione congiunta italo-iraniana in Khuzistan


Nona campagna (20 settembre - 16 novembre 2016)

Il programma delle ricerche sul terreno prevede per il 2016 la continuazione dello scavo stratigrafico di alcune trincee già aperte nel 2015 sul sito di Kal-e Chendar (valle di Shami). In particolare, l'attività verrà concentrata su due aree del sito: la terrazza principale, sulla quale dovevano insistere importanti edifici religiosi, e l'area cimiteriale, all'interno della quale sono emerse strutture che lasciano presupporre l'esistenza di articolati complessi funerari in connessione con il santuario.


Per maggiori informazioni sulla missione: Progetti - Iran - Khuzistan