Articles tagged with: Stefano de Martino

19 Ottobre 2018

Conferenza Dominique Charpin e Nele Ziegler al Museo Egizio

Conferenza Dominique Charpin e Nele Ziegler al Museo Egizio

Mercoledì 24 ottobre 2018 alle ore 18.00, presso la Sala Conferenze del Museo Egizio (Via Accademia delle Scienze n. 6 Torino), si terrà la conferenza incentrata sulla presentazione di importanti studi sull'area mesopotamica organizzata dal Museo Egizio, dal Centro Ricerche Archeologiche e Scavi di Torino e dall'Università degli Studi di Torino.

Intervengono Dominique Charpin (Collège de France, Paris) con una lezione intitolata "Recent discoveries about Old Babylonian Mesopotamia", e Nele Ziegler (CNRS, UMR 7192, Paris) con una lezione intitolata "Zimri-Lim's servants and the sick child". Introduce Stefano de Martino (CRAST, Università degli Studi di Torino).

Conferenza in lingua inglese.

Per ulteriori informazioni: www.museoegizio.it

25 Ottobre 2017

"Le radici tagliate della cultura. La conservazione del patrimonio culturale ai tempi dell'Isis"

Tavola Rotonda con Andrea Bruno, Stefano de Martino (Direttore CRAST), Giacomo Massari, Francesco Scoppola.

Venerdì 27 ottobre 2017, ore 17.30, presso il Palazzo Ducale - Sala del Minor Consiglio - Piazza Matteotti n. 9 Genova.

A cura del Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale.

Una delle maggiori conseguenze dei più recenti conflitti, oltre all'immane carico di vittime e di prevaricazioni sulle popolazioni, riguarda le violente distruzioni di importanti vestigia e di resti del patrimonio storico-culturale dei Paesi coinvolti. Oggi, nuove applicazioni tecnico-scientifiche forniscono un contributo significativo alla conservazione e si considerano ipotesi di ricostruzioni, totali o parziali, anche con il ricorso a robot che operano in 3D come nel caso dell'arco di Palmira. E' indubbio che i progressi della scienza e della tecnologia stiano di fatto costringendo a una riflessione sui paradigmi culturali e metodologici alla base delle contemporanee scienze per la conservazione dei beni culturali, delineando prospettive di recupero del bene in grado di depotenziare il carico ideologico che aveva motivato i terroristi nella distruzione dei beni stessi. Al contempo, aumentano gli interventi per la prevenzione, quali i caschi blu dell'Unesco, fortemente voluti dal Governo italiano.

04 Luglio 2016

ICOM, 24th General Conference of Museums and Cultural Landscapes

ICOM, 24th General Conference of Museums and Cultural Landscapes

24th General Conference of Museums and Cultural Landscapes Milano 3-9 luglio 2016

Mercoledì 6 Luglio 2016 Expo Forum North Wing Level 1 Blue Hall 13-15.

Case Study: MAECI, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

  • Vincenzo De Luca (Direttore Generale per la Promozione del Sistema Paese, Maeci Italia) "Introduction";
  • Roberto Parapetti (Monumenta Orientalia, Roma) "Museography and Structural Interventions in the Baghdad Museum";
  • Stefano de Martino (CRAST, Dipartimento di Studi Storici Università di Torino) "The Baghdad Museum and the Archaeological Research";
  • Francesco Provenza (Comando dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale di Monza) "Protection of Cultural Heritage".

11 Marzo 2016

L'Iraq Museum di Baghdad. Gli interventi italiani per la riqualificazione di un patrimonio dell'umanità

L'Iraq Museum di Baghdad. Gli interventi italiani per la riqualificazione di un patrimonio dell'umanità

C. Lippolis, S. de Martino, R. Parapetti, G. Capri, L'Iraq Museum di Baghdad. Gli interventi italiani per la riqualificazione di un patrimonio dell'umanità, apice libri, Firenze 2016


L'Iraq Museum di Baghdad, non solo per gli archeologi, è un luogo unico al mondo. E' una finestra sul passato della Mesopotamia e sulla storia dell'uomo, con una straordinaria varietà di manufatti che vanno dalle epoche più remote fino al periodo ottomano.

Dopo il saccheggio del museo del 2003 e dopo lunghi anni di chiusura al pubblico, nel 2015 le autorità iraqene hanno riaperto le sue porte ai visitatori. Il merito di questo "ritorno alla vita" del museo si deve anche agli interventi italiani che hanno riqualificato e reso più funzionale l'edificio. E' un segnale forte, che intende affermare l'importanza della Storia e la necessità di proteggere il patrimonio culturale dell'uomo anche e soprattutto a fronte delle dissennate distruzioni contro il passato.


Download Indice (PDF)

Copyright © 2019 Centro Ricerche Archeologiche e Scavi di Torino per il Medio Oriente e l'Asia
Powered by AMODEO design